Una piccola dose potrebbe aiutare a rigenerare l'agricoltura?

21 aprile 2022

Data:21 aprile 2022

Sezioni di contenuto

  • Investire nel nostro pianeta
  • Una nuova era nell'agricoltura?
  • Partner perfetti?
  • Omeopatia vegetale e i suoi benefici
  • Ulteriori letture

A quasi sessant'anni dalla pubblicazione del libro di riferimento di Rachel Carson, Primavera silenziosa, l'agricoltura convenzionale continua l'uso indiscriminato di prodotti chimici come parte di sistemi agricoli intensivi. Carson lanciò severi avvertimenti sugli effetti dannosi di tali input agrochimici e richiamò l'attenzione sulla disinformazione che veniva venduta dalle aziende agrochimiche. Gli avvertimenti di Carson rimangono tanto pertinenti oggi quanto lo erano negli anni '60 e '70. Eppure, a distanza di decenni, l'uso intensivo di prodotti agrochimici, la continua distruzione di habitat e le perdite crescenti di biodiversità minacciano ora la vitalità di tutti i sistemi naturali di questo squisito pianeta di cui siamo custodi.

Ci dicono che il problema ambientale più urgente che ci riguarda oggi è il cambiamento climatico e il relativo riscaldamento del pianeta. Tuttavia, come proposto da Carson, la perdita di biodiversità dovuta alla distruzione di ambienti e habitat naturali per coltivare cereali per gli esseri umani e bestiame d'allevamento intensivo potrebbe mettere in pericolo la salute umana e planetaria. Come abbiamo suggerito nella nostra confutazione al rapporto EAT-Lancet del 2019 e nel nostro recente pezzo sulla caccia alle streghe contro la carne rossa, la soluzione è molto più sfumata che coltivare più cereali, creare carne coltivata in laboratorio e abbandonare la vera carne rossa.

È da molto tempo che promuoviamo diete diverse, fortemente basate su piante e in gran parte non trasformate. Per alcune persone, in alcune regioni, continuare a mangiare un po' di carne e prodotti di origine animale prodotti in sistemi agricoli rigenerativi ha senso, sia dal punto di vista scientifico che ambientale.

Le verdure e un po' di frutta sono vitali per una salute duratura e resistente, per questo sono al centro delle nostre linee guida Food4Health e del nostro nuovo libro RISANARE IL MANGIATOIO. Tuttavia, l'adozione cieca di diete a base vegetale, se tali piante provengono da sistemi di produzione intensivi e non sostenibili (per esempio la produzione di grano in monocoltura ad alto input agrochimico), può anche essere devastante per l'ambiente e per la vitalità dei suoli necessari per prodotti sani.

Oltre ai metodi di coltivazione poco rispettosi dell'ambiente, la gente si è talmente abituata ad avere un'ampia scelta di prodotti, essendo stata tentata per tanti anni con una serie di varietà esotiche fuori stagione. Tale è lo scollamento tra la gente e la terra, che molti non hanno idea di quali raccolti crescano in quale stagione nel paese in cui vivono. Questo si estende anche alla provenienza del cibo - da dove viene il suo cibo e come è stato coltivato, in modo convenzionale o attraverso metodi sostenibili e rigenerativi come l'agroecologia, il biologico e/o il biodinamico?

Nella spinta a consumare più cibi vegetali, troppo spesso si ignora il potenziale danno all'ambiente causato dai prodotti chimici agricoli usati per fertilizzare le coltivazioni e uccidere i parassiti, non solo alle piante ma al terreno in cui vengono coltivate, alla terra e infine alla salute di coloro che consumano i prodotti.

>>> Il collasso degli insetti negli ecosistemi agricoli evidenziato nell'ultimo studio sulla biodiversità pubblicato sulla rivista Nature

Investire nel nostro pianeta

Il 22 aprile è la Giornata della Terra in cui noi, il popolo, siamo chiamati a "Investire nel nostro aereot". Investire in nuovi modi di produrre il cibo e i beni necessari per mantenere la nostra vita moderna. Ma anche per dare priorità alla salute delle piante che mangiamo e all'ambiente in cui vengono coltivate.

L'agro-omeopatia, conosciuta anche come omeopatia delle piante, potrebbe rivelarsi un sostituto economico e naturale dei prodotti agrochimici usati in agricoltura?

L'omeopatia vegetale fu menzionata per la prima volta circa 200 anni fa dal barone von Boenninghausen, genero di Samuel Hahnemann il fondatore dell'omeopatia, che notò che le sue piante erano molto più sane quando dava loro rimedi omeopatici avanzati. Tuttavia, Hahnemann stesso non ha mai portato avanti questo uso dell'omeopatia.

Una nuova era nell'agricoltura?

L'omeopatia, come modalità terapeutica, viene già usata con successo per sostenere la salute del bestiame. Anche se l'agro-omeopatia è relativamente nuova per quanto riguarda il suo uso in agricoltura, promette un metodo poco costoso, privo di sostanze chimiche e non tossico per curare e proteggere le piante e le risorse agricole da parassiti e malattie. C'è sempre più interesse nell'uso dell'agro-omeopatia come antidoto ai danni causati dall'uso indiscriminato di prodotti chimici nell'agricoltura convenzionale.

La ricerca sull'uso dell'omeopatia vegetale iniziò seriamente alla fine del XIX secolo quando Rudolf Steiner iniziò a sperimentare rimedi omeopatici in combinazione con il suo lavoro sui metodi di agricoltura biodinamica. Lily Kolisko, una studentessa di Steiner, e H Junker continuarono le ricerche sull'agro-omeopatia all'inizio del XX secolo. Tuttavia, divenne veramente importante alla fine degli anni '80 dopo una scoperta casuale di un omeopata olandese, Vaikunthanath das Kaviraj, che l'uso della belladonna poteva contrastare una malattia simile alla scarlattina nei meli.

Kaviraj si trasferì in Australia per continuare il suo lavoro ma quando i suoi successi vennero a conoscenza delle autorità agricole e dell'industria agrochimica, fu introdotta una tassa per registrare i rimedi omeopatici che allora vendeva. Il risultato? Fu effettivamente messo fuori gioco in Australia e tornò in Olanda.

Partner perfetti?

L'agricoltura biologica ha visto un'enorme crescita di popolarità negli ultimi anni, poiché la gente diventa più consapevole dei danni causati dall'agricoltura convenzionale e cerca modi per proteggere la propria salute e il pianeta. Al suo centro ci sono quattro principi fondamentali:

  • Salute - si concentra sul sostenere e migliorare la salute delle piante, del suolo, degli animali, dell'uomo e del pianeta nel suo insieme
  • Ecologia - lavora con sistemi e cicli ecologici viventi per sostenerli
  • Equità - trattare in modo equo chiunque sia coinvolto nel ciclo di vita biologico, sia esso agricoltore, fornitore, commerciante o consumatore
  • Cura - incoraggiare l'uso responsabile delle risorse per proteggere le generazioni future e l'ambiente naturale

Anche se l'uso di alcuni prodotti chimici è permesso, la produzione biologica attenua ampiamente gli effetti negativi causati dall'uso indiscriminato di prodotti chimici nelle pratiche agricole convenzionali.

Ma ad un certo livello, l'agricoltura biologica può anche essere interpretata come un tipo di agricoltura free-from, dove si omettono fertilizzanti sintetici e pesticidi. Questo è esattamente il modo in cui è stata vista da alcuni dei grandi produttori agricoli per i supermercati di tutto il mondo. In questi tipi di sistemi di produzione free-from, non si è data priorità al nutrimento o alla costruzione di biomassa organica (in particolare microrganismi e invertebrati) nel suolo o alla costruzione di biodiversità in superficie (per esempio attraverso l'intercropping, cover cropping, pacciamatura, aumento delle risorse floreali per gli impollinatori, ecc).

Questa diluizione dei principi dell'agricoltura biologica da parte di Big Ag ha portato alla nozione di agricoltura rigenerativa - o 'regen ag' - dove l'enfasi è sulla rigenerazione degli habitat e della diversità. Ora è un principio centrale per la Soil Association, l'ente di certificazione organica del Regno Unito e il primo organico certificato nel mondo.

L'agricoltura biodinamica è in realtà una forma di agricoltura rigenerativa sviluppata da Rudolf Steiner. La biodinamica abbraccia tutto ciò che è l'agricoltura biologica e rigenerativa, lavorando sia a livello biologico che metafisico/spirituale. È autosufficiente, rigenerativa e lavora in armonia con la natura per massimizzare la salute e la vitalità dei raccolti, del suolo e del bestiame e, a sua volta, la salute umana.

L'agro-omeopatia potrebbe dare un valido contributo alle pratiche agricole rigenerative, ma offre anche una valida alternativa per ridurre gli input agrochimici e veterinari che stanno danneggiando gli agro-ecosistemi, gli animali, le piante e i microbi al loro interno e, spesso, gli habitat circostanti.

Omeopatia vegetale e i suoi benefici

Nello stesso modo in cui la medicina funzionale considera la salute di tutta la persona, l'agro-omeopatia si concentra sulla salute delle piante, dei terreni viventi che abitano e dell'ambiente che le circonda. I rimedi vengono creati per affrontare i bisogni specifici delle piante e dell'ambiente in cui vengono coltivate. Ciò che funziona in un campo può non essere appropriato in un altro.


"Madre Natura è la migliore insegnante e se vogliamo leggere il suo libro, dobbiamo percorrere le sue pagine. Lei rivelerà tutto ai sinceri che vogliono capire".

- Vaikunthanath Das Kaviraj (fonte)

Di solito, i prodotti chimici agricoli convenzionali vengono usati per uccidere piante, malattie o insetti indesiderati. L'agro-omeopatia fa il contrario, costruendo la vitalità, la forza e la resilienza di una pianta in modo che possa scoraggiare gli attacchi dei parassiti e resistere alle malattie in modo naturale, come vuole la natura.

I rimedi omeopatici vengono usati in quantità molto minori rispetto ai prodotti chimici convenzionali e non lasciano residui nocivi nell'ambiente, lasciando le piante, il suolo, l'acqua e l'ambiente circostante sicuri per la fauna selvatica che si basa su di essa e per gli umani che mangiano le piante. Alcuni rimedi comuni sono elencati di seguito:

  • Silicea terra - è spesso indicato come il re dei rimedi da giardino a causa della sua moltitudine di applicazioni
  • Arnica - aiuta a trattare le contusioni e lo shock delle piante
  • Tosta Helix - bandire le lumache per mesi, in modo naturale
  • Coccinella septempunctata - dica addio agli afidi e ad altri insetti dal corpo molle
  • Bombyx processiona - dissuade i bruchi
  • È anche proattiva piuttosto che reattiva, permettendo agli agricoltori e ai giardinieri di pianificare e prepararsi per le inevitabili minacce che potrebbero danneggiare i raccolti e le piante.

    E, forse meglio di tutto, è stato dimostrato che l'uso di rimedi omeopatici migliora la produzione di metaboliti secondari delle piante, noti come fitochimici, che a loro volta sono altamente benefici per la salute umana.

    In definitiva, l'agro-omeopatia potrebbe essere una soluzione vincente per tutti in termini di risparmio economico, riduzione del consumo di risorse insieme alla conservazione dell'ambiente e della salute del pianeta per le generazioni future.

    Ulteriori letture

    • Omeopatia per Fattoria e Giardino: Il trattamento omeopatico delle piante 4ª edizione rivista
      • Autore: Vaikunthanath Das Kaviraj
      • Editore: Narayana (20 aprile 2018)
      • ISBN-10: 3941706470
    • Il dottore delle piante, l'agroomeopata ceco Radko Tichavsky, risponde ogni mese a domande sull'uso dell'agroomeopatia.

    >>> Alleanza per la Salute Naturale Internazionale ri-pubblicazione delle linee guida

    >>> Per saperne di più sui modelli alimentari sani e sostenibili - che aiutano a trasformare il suo cibo in una potente medicina - compri la sua copia del nostro libro RISANARE IL MANGIATOIO

    >>> Ritorna a homepage

    Orgogliosamente affiliata a: Enough Movement Coalition partner di: Consiglio Mondiale della Salute

    Podcast Video Notizie Evento Campagna Tutti

    Partecipi al nostro webinar gratuito

    'Cosa, perché e come del modello MRB: La migliore soluzione di gestione del rischio per i micronutrienti negli integratori alimentari'.

    Martedì 11 ottobre 2022 alle ore 15:30 CET

    Giorno(s)

    :

    Ore(s)

    :

    Minuto(i)

    :

    Secondo(i)

    IN BREVE

    Introduzione a ANH Europe e al team di ANH Europe

    Relatori esperti: 

    Dr Jaap Hanekamp: Professore associato di Chimica dell'University College Roosevelt, Middelburg, Paesi Bassi.

    Dr. Robert Verkerk, PhD: Fondatore, Direttore Esecutivo e Scientifico dell'Alleanza per la Salute Naturale Internazionale; Membro del Consiglio di Amministrazione di ANH Europa.