La sua acqua potabile potrebbe essere contaminata da proteine spike?

14 aprile 2022

Data: 14 aprile 2022

Sezioni di contenuto

  • Entrare nel WBE: epidemiologia basata sulle acque reflue
  • Remdesivir - il miglior antivirale: davvero?
  • Perdere di vista i veri problemi e le soluzioni
  • Torna nelle fogne
  • Osmosi inversa: le dimensioni contano
  • Epilogo di Haldane

Di Rob Verkerk PhD, fondatore, direttore esecutivo e scientifico, ANH-Intl

"Suppongo che il processo di accettazione passerà attraverso le solite quattro fasi: 1. Questa è una sciocchezza senza valore, 2. Questo è un punto di vista interessante, ma perverso, 3. Questo è vero, ma non è importante, 4. L'ho sempre detto".- J. B. S. Haldane, genetista e biologo evoluzionista britannico (1992-1964)

Sono passati oltre 2 anni da quando la SARS-CoV-2 è stata identificata per la prima volta nelle persone a Wuhan, in Cina, alla fine di dicembre 2019. Ma le prove crescenti suggeriscono che il virus circolava almeno 2 mesi prima di questa data.

Ma se si cerca, si può andare più indietro nella storia. Questo è esattamente ciò che ha fatto il team di Albert Bosch dell'Università di Barcellona, dopo aver trovato campioni di acque reflue fognarie a Barcellona che sono risultati positivi nel dicembre 2019. Hanno poi analizzato campioni storici congelati e hanno trovato campioni che sono risultati positivi già nel marzo 2019, oltre 3 anni fa. Lo studio di Bosch è stato riportato da Reuters, quindi non può essere liquidato come una teoria della cospirazione.

Ora, tenga conto del fatto che molti Paesi del mondo hanno sperimentato quattro ondate di SARS-CoV-2 negli ultimi 2 o 3 anni. Si tratta di una grande quantità di virus che si è replicato in molte persone - e una grande percentuale di questo materiale genetico finisce nelle fognature e nelle acque reflue, dato che le particelle virali vengono facilmente disperse nelle feci, nell'urina e nella saliva.

Figura 1. Confronto dei nuovi casi e dei decessi (per milione di popolazione) in Paesi selezionati nell'arco temporale della pandemia. Fonte: Il nostro mondo in dati (13 aprile 2022)

Non è tutto. Circa 65% della popolazione mondiale ha ricevuto almeno un vaccino genetico che produce la proteina spike nel corpo. Non si tratta di un virus vitale, ma della proteina spike, che è probabilmente il componente principale del virus responsabile della malattia negli esseri umani. Questo se si è disposti a credere a un importante studio di uno dei principali istituti di ricerca del settore, il Salk Institute, almeno. E non credere ai cosiddetti giornalisti 'fact checker' (alias 'narrative checker') (ad esempio qui e qui).

Entrare nel WBE: epidemiologia basata sulle acque reflue

Il campo dell'epidemiologia basata sulle acque reflue è oggi un settore in piena espansione. Ora che i metodi di sequenziamento genetico come la PCR sono stati diffusi ovunque, è possibile analizzare le acque fognarie e altre acque reflue per ottenere un'indicazione precoce se sta per verificarsi un'epidemia.

Si potrebbe sostenere che si vedrebbe più rapidamente un'epidemia in arrivo se si analizzassero le persone piuttosto che l'acqua delle fogne - ma la realtà è che solo una piccola percentuale di persone si sottopone regolarmente ai test, soprattutto se si sente in salute. Quindi, sollevare i tombini, raccogliere e analizzare campioni di acque reflue è un'attività che viene svolta per una sorveglianza continua, anche nei campus universitari. 

Nel settembre 2020, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno lanciato il Sistema nazionale di sorveglianza delle acque reflue per contribuire a fornire un allarme precoce sulla diffusione della SARS-CoV-2 nelle comunità. È un modo plausibile di fare sorveglianza, dato che è agnostico rispetto alla selezione e potrebbe dare un preavviso di qualche giorno se i livelli di infezione nella comunità stanno aumentando. Ma cosa si deve fare con le informazioni? Bloccare le persone più suscettibili, somministrare loro terapie preventive o vaccini, o semplicemente aumentare il loro livello di paura?

Remdesivir - il miglior antivirale: davvero?

Parlando di terapie, l'enfasi posta sul remdesivir da parte delle agenzie sanitarie di tutto il mondo dimostra quanto siamo (scusate, sono) andati fuori strada. Si tratta di un antivirale sviluppato da Gilead Sciences inizialmente per l'epatite C, che ha fallito, che poi ha avuto un'uscita per l'Ebola, che ha fallito, che è stata poi riproposta per il covid-19. A giudicare dalla sua inclusione come agente terapeutico chiave nelle liste dei farmaci approvati dalla maggior parte delle agenzie sanitarie, si potrebbe pensare che le sperimentazioni abbiano avuto successo. Non è così. Quello pubblicato nella rivista New England Journal of Medicine che ha portato alla sua approvazione negli Stati Uniti, nel Regno Unito e nell'Unione Europea, non ha nemmeno trovato un effetto statisticamente significativo. L'ultimo studio europeo su larga scala DisCoVeRy ha rilevato che: "L'uso di Remdesivir per il trattamento dei pazienti ricoverati con COVID-19 non è stato associato a un miglioramento clinico al giorno 15.."

Non sto dicendo che il NIH e la Gilead abbiano architettato la posizione del remdesivir come farmaco autorizzato per il trattamento del covid-19. Ma lo sto insinuando. Ciò che è ancora più scandaloso è che la FDA ha approvato il suo utilizzo con l'autorizzazione all'uso di emergenza per i neonati di peso corporeo pari o superiore a 3,5 kg. Ecco il vanto di Gilead al riguardo. La decisione è una farsa scientifica e normativa, data la mancanza di dati e di comprensione delle conseguenze a lungo termine. Resa ancora più cieca dall'assenza di raccomandazioni per le vitamine D, C o zinco, tutte con prove molto migliori. Oppure, come ha fatto il Regno Unito con la sua linea guida NICE, ha suggerito che 10 microgrammi (400 UI) al giorno di vitamina D sono l'unica sostanza nutritiva utile contro il covid-19. Si tratta di una palese sciocchezza e questa banale quantità di vitamina D, basata su dati relativi alla salute delle ossa e non alle infezioni, è disperatamente bassa e non è in alcun modo basata sulla scienza.

>> Scopri di più su ANH Intl Campagna di test e assunzione di vitamina D.

Perdere di vista i veri problemi e le soluzioni

Francamente, dato l'attuale basso rischio di malattia grave posto dal virus (Figura 1), è nostra opinione che dovremmo rispondere solo ai sintomi di questa o di qualsiasi altra malattia respiratoria o infettiva nelle popolazioni a rischio. I sistemi sanitari devono tornare a occuparsi di un'assistenza sanitaria adeguata, in tutte le sue forme, e non inseguire un agente patogeno che sembra sempre più probabile che sia un prodotto della ricerca sul guadagno di funzioni (vedere qui e qui).

Se la malattia è asintomatica o lieve, significa che la virulenza in una determinata popolazione è bassa (e dovrebbe essere, relativamente, poco preoccupante) o che il sistema immunitario di quel gruppo sta facendo un ottimo lavoro per impedire che le conseguenze dell'infezione diventino più gravi. Questo è un motivo sufficiente per cercare di rimanere il più possibile in salute - per evidenziare uno degli errori più spettacolari della recente politica di salute pubblica nella maggior parte dei Paesi negli ultimi due anni.   

Torna nelle fogne

Torniamo al luogo in cui finisce una grande quantità di virus e proteine spike: le fogne.

>>> Leggi revisione sulla SARS-CoV-2 nelle acque reflue

Provi a trovare dei dati affidabili sulle proteine del picco nell'acqua potabile e farà fatica. Io almeno l'ho fatto, anche con quattro decenni di esperienza come ricercatore. Questo significa che nessuno è interessato, che i dati sono nascosti alla vista del pubblico, che è talmente ovvio che non sarà un problema che non ha senso fare ricerche, oppure che 'loro' non vogliono che lei lo sappia.

Una revisione suggerisce che, dato che alcuni trattamenti dell'acqua riducono o rimuovono alcuni patogeni, il rischio di infezione da SARS-CoV-2 nell'acqua potabile è basso".se si prendono le dovute precauzioni" durante il trattamento dell'acqua.

Questo punto di vista si basa sull'assenza di un rischio di trasmissione significativo da parte di particelle virali intere e vitali. Non ci dice nulla sulla proteina spike che è circa un decimo della lunghezza del diametro tipico di una particella di SARS-CoV-2, che, come ricorderete (se ignoriamo le scoperte del Salk Institute) non è destinata a danneggiarci.  

Quelli di noi che non la pensano così hanno un'ovvia base di preoccupazione. Una persona a noi sconosciuta di nome Emma Harrington ha avuto una preoccupazione simile e ha presentato, il 7 giugno 2021, una richiesta di libertà di informazione a Thames Water, che sostiene di essere la più grande azienda idrica e di acque reflue del Regno Unito.

La buona notizia? La richiesta di libertà di informazione a Thames Water è stata accolta. La cattiva notizia: Thames Water ha risposto come segue: "Attualmente non abbiamo un programma di monitoraggio."

Osmosi inversa: le dimensioni contano

Se anche lei, come me, è preoccupato, mi sento di raccomandare una cosa molto chiara. Prenda in considerazione, se non l'ha già fatto, l'installazione di un sistema di osmosi inversa (RO) di alta qualità (vedere Figura 3) nella sua casa e prelevi l'acqua potabile e di cucina da quel rubinetto dedicato.

In parole povere, una membrana RO è una membrana semipermeabile attraverso la quale l'acqua viene spinta grazie alla pressione e al gradiente di concentrazione tra i sedimenti e i contaminanti da un lato e l'acqua pura dall'altro. La membrana ha pori minuscoli, così piccoli che molti sali minerali e molecole contaminanti non possono attraversarli in modo significativo, mentre le molecole d'acqua possono farlo.

Questo è un problema in cui le dimensioni contano: la dimensione dei pori in relazione al contaminante.

A questo proposito, mi permetto di citare il CDC, che afferma che la RO ha "un'efficacia molto elevata nella rimozione dei virus", batteri, protozoi e "contaminanti chimici comuni".

Che dire delle dimensioni della particella virale SARS-CoV-2, della proteina spike e delle dimensioni del poro della membrana. Ecco le statistiche riassuntive:

  • Diametro SARS-CoV-2: 100 nanometri (0,1 micron)
  • Lunghezza della proteina spike SARS-CoV-2: 10 nanometri (0,01 micron)
  • Dimensione tipica dei pori della membrana RO: 0,1 nanometri (0,0001 micron).

In breve, ciò significa che una particella virale di SARS-CoV-2 è circa 1000 volte più grande della dimensione dei pori di una membrana RO. Cosa forse ancora più importante, la proteina spike della SARS-CoV-2 è circa 100 volte più lunga del diametro del poro della RO. Ciò suggerisce che la maggior parte delle molecole intatte della proteina spike faranno fatica a passare attraverso una membrana RO.

Figura 2. Vari numeri legati alla SARS-CoV-2 (da Bar-On et al. Science Forum): SARS-CoV-2 (COVID-19) con i numeri. eLife 2020; 9: e57309).

In termini pratici, le suggeriamo vivamente, se non l'ha già fatto, di investire - se può - in un sistema RO sottolavello (ad esempio, Fig. 3), che rialcalizzi anche l'acqua con sali minerali benefici per la salute. Alcuni sistemi disponibili in commercio utilizzano anche vari sistemi energetici (ad esempio vortici, magneti) che aiutano a ristrutturare l'acqua, migliorandone l'utilizzo nell'organismo e i conseguenti benefici per la salute.  

Tutti i sistemi richiedono una manutenzione e una sanificazione annuale per evitare l'accumulo di batteri e, in genere, in un ambiente domestico, la membrana RO durerà circa 3 anni prima di dover essere sostituita.

Figura 3a. Tipico sistema di nanofiltrazione dell'acqua potabile ad osmosi inversa, multistadio, per uso domestico, che comprende il filtro per i sedimenti, il filtro a carbone attivo granulare, il filtro a blocco di carbone, il nanofiltro a membrana RO, il filtro post-RO (lucidatura) e il serbatoio dell'acqua.

Figura 3b. Tipico sistema di nanofiltrazione dell'acqua potabile ad osmosi inversa, multistadio, installato nell'ufficio ANH, che comprende filtro per i sedimenti, filtro a carbone attivo granulare, filtro a blocco di carbone, nanofiltro a membrana RO, filtro post-RO (lucidatura) e serbatoio dell'acqua.

Figura 3c. Un esempio di sistema RO e filtro a blocco di carbone a flusso diretto, senza serbatoio, che fornisce acqua a temperatura ambiente, calda e quasi bollente. La portata dell'acqua è inferiore (~1 litro al minuto) rispetto ai sistemi con serbatoio. Fonte: Osmio Water Technology

Epilogo di Haldane

Ho iniziato questo pezzo con una citazione di JBS Haldane. Vale la pena ricordare che nel suo periodo di massimo splendore, a metà del XX secolo, la scienza era spesso considerata del tutto indipendente dalla politica. Esisteva la cosiddetta 'ricerca del cielo azzurro'. La scienza di allora non era ancora stata completamente corrotta dai poteri politici ed economici. Tuttavia, la straordinaria astuzia di Haldane gli permise di prevedere quello che da allora è diventato un problema dominante dei nostri giorni. Egli affermò: "Ho iniziato a rendermi conto che anche se i professori lasciano in pace la politica, la politica non lascerà in pace i professori.."

La politica, inseparabile dall'economia, è il motivo per cui la maggioranza degli scienziati continuerà a dirle che il remdesivir è la risposta alla sua infezione da covid-19 e che le sue riserve di acqua potabile sono sicure senza nanofiltrazione. Non pensi nemmeno per un minuto che questo abbia a che fare con la scienza.

E se il suo istinto di sopravvivenza entra in azione e il suo senso della ragione le dice che la logica tradizionale deve essere sbagliata, la mia sensazione è che lei abbia molte più possibilità di altri in questo mondo invertito, confuso e in rapida evoluzione.

La prego di condividere ampiamente questo articolo con le persone a lei care. Grazie.

>>> Alleanza per la Salute Naturale Internazionale ripubblica le Linee Guida

>>> Questo articolo le ha suscitato delle domande? Sapeva che i nostri Soci Pathfinder ANH ricevono una Q&A mensile gratuita come parte della loro iscrizione annuale? Perché non Unisciti a noi!

>>> Per una copertura covid più curata degli ultimi 2 anni, visiti il sito Covidzone.org

             Orgogliosamente affiliata a: Enough Movement Coalition partner di: Consiglio Mondiale della Salute

Podcast Video Notizie Evento Campagna Tutti

Partecipi al nostro webinar gratuito

'Cosa, perché e come del modello MRB: La migliore soluzione di gestione del rischio per i micronutrienti negli integratori alimentari'.

Martedì 11 ottobre 2022 alle ore 15:30 CET

Giorno(s)

:

Ore(s)

:

Minuto(i)

:

Secondo(i)

IN BREVE

Introduzione a ANH Europe e al team di ANH Europe

Relatori esperti: 

Dr Jaap Hanekamp: Professore associato di Chimica dell'University College Roosevelt, Middelburg, Paesi Bassi.

Dr. Robert Verkerk, PhD: Fondatore, Direttore Esecutivo e Scientifico dell'Alleanza per la Salute Naturale Internazionale; Membro del Consiglio di Amministrazione di ANH Europa.